SiAmo Ascoli

Insieme per una Ascoli migliore!

Archivi Mensili: maggio 2014

Ennesimo atto di vandalismo ai monumenti.

Questa volta si tratta della fontana della piazzetta di Monteoliveto di Napoli, brutalmente imbrattata di inchiostro rosso.10402849_10152380482814927_8500594216099122735_n

La fontana seicentesca detta del Re Carlo II (piccolo), è da tempo oggetto di sconsiderate azioni di devastazione ed imbrattamento da parte di alcuni gruppi di giovani che frequentano lo spiazzo.
“Alcuni cittadini” commenta il consigliere della II municipalità Pino De Stasio, “nei mesi scorsi hanno affisso cartelli che esprimevano rabbia e sdegno verso chi scambiava per una discarica l’enorme vasca del monumento” (vedi foto qui sotto)10301366_10152380482744927_4317476801975403749_n(1)

Eppure l’incitamento degli stessi cittadini non è bastato a fermare i writers. 

Il vandalismo non risparmia nemmeno la città di Trani, dove da qualche giorno sono apparse nuove scritte lungo il molo di S. Antuono.
img_20140527_wa0011 img_20140527_wa0019_(1)
Annunci

SanBa, street art a San Basilio, il restyling della periferia

Il colore, l’arte, il design urbano arrivano anche a San Basilio, quartiere della periferia nord-est di Roma, illuminando quattro facciate di palazzi. Il progetto si chiama SanBa e coinvolge due muralisti internazionali: Liqen e Agostino Iacurci. «Roma come Berlino, Miami o New York – ha detto l’assessore alle Periferie Paolo Masini – le sue periferie una grande tela bianca per farla diventare capitale della street art». La street art è una forma d’arte in espansione in diverse zone della Capitale. In pochi mesi i cittadini di Roma hanno visto i  quartieri colorarsi, da Tor Marancia a Testaccio, da Roma 70 all’Ostiense passando per il progetto SanBa di San Basilio, con i tantissimi interventi che si stanno mettendo in campo grazie alla grande collaborazione con artisti, associazioni, aziende del comune e attori istituzionali. SanBa, il progetto di arte pubblica e cinema rivolto a San Basilio è stato illustrato oggi e realizzato grazie il sostegno economico della fondazione Roma e il patrocinio degli assessorati alle Periferie e Cultura. È iniziato a fine marzo con il coinvolgimento delle scuole in laboratori trasversali di arte contemporanee. «Credo che l’importanza di questo progetto stia nell’essere entrati in un quartiere in punta di piedi e nell’aver costruito un vero interesse e coinvolgimento degli abitanti – ha detto uno dei due artisti, Agostino Iacurci – che sono diventati supporter e protagonisti di questi murales». Prima di Roma, l’artista ha lavorato in diverse parti del mondo: dall’America alla Russia. Il curatore e ideatore di SanBa,Simone Pallotta (del team Walls) gli ha fatto eco: «L’arte pubblica è uno strumento reale di riattivazione umana prima ancora che culturale. Grazie a SanBa le persone hanno ricominciato a pensare che un cambiamento è possibile, specialmente se ci si batte in prima persona. Abbiamo bisogno della collaborazione di tutti».

 

Hai una serranda imbrattata? Unisci a noi!

Immagine

Il 15 Giugno si sta avvicinando.

Proprio in quel giorno, per il secondo anno consecutivo diverse Associazioni Culturali insieme a tanti altri cittadini, uniranno le loro forze e, dividendosi in “squadre antidegrado”, si impegneranno per le vie cittadine a compiere piccole azioni che avranno l’obiettivo sia di ripristinare una situazione di decoro, sia per lanciare un messaggio agli altri cittadini per far capire che il degrado si può contrastare e soprattutto sconfiggere grazie all’unione per bene che trattano la propria città come la propria casa.

Ed è per questo che ci rivolgiamo a te, che hai un’attività o sei un privato ed hai la serranda imbrattata da qualche anima “coraggiosa” che non da nessun valore alle cose degli altri.

La cosa che ti chiediamo è questa:

Fai un piccolo sforzo e pulisci la tua saracinesca (sempre se ce l’hai imbrattata), Domenica 15 Giugno in occasione di SiAMo Ascoli, una giornata dedicata alla lotta al degrado in ogni sua forma.

Partecipare è semplice:

Se hai la serranda verniciata, basta andare in qualsiasi negozio di vernici e acquistare un barattolo dello stesso RAL (colore) della serranda ed applicarlo sulla serranda stessa, così da cancellare le scritte presenti.

Se hai una serranda zincata ancora meglio, perchè abbiamo a disposizione dei prodotti utili per rimuovere le scritte, senza lasciare aloni, quindi basta che ci contatti su siamoascoli@gmail.com per organizzare l’intervento.

Gli organizzatori di SiAmo Ascoli poi, per tutti quei commercianti e privati, che interverranno e puliranno la loro saracinesca, applicheranno in maniera del tutto gratuita un “prodotto sacrificale”, che servirà per proteggere la Vostra serranda da altri attacchi degli imbrattamuri.

A quel punto un colpo di spugna imbevuta con un pò d’acqua porterà via tranquillamente e senza sforzo la scritte che verranno rifatte.

Aspettiamo quindi la tua, la vostra adesione, per dimostrare il 15 Giugno che amiamo Ascoli e SiAmo contro il degrado!

Uniti SiAmo Ascoli!

Siamo Ascoli di padre in figlio

 

Siamo Ascoli

Che bella questa foto..arriva da Roma dove grazie all’Associazione RetakeRoma il “passato” insegna al “futuro”, l’amore e il rispetto per la propria città. Questa è l’Italia che vogliamo, quella che non rimane inerme, ma si ribella e agisce contro chi distrugge la nostra civiltà e la bellezza dei luoghi in cui viviamo. Vogliamo che questo “miracolo” accada anche nella nostra città, durante SiAmo Ascoli del 15 Giugno, ma per far questo serve la TUA partecipazione. Ti aspettiamo lunedì 26 ore 21,15 alla riunione organizzativa presso casa della gioventù nel quartiere di San Marcello oppure contattateci su siamoascoli@gmail.com . Uniti SiAmo Ascoli e quando è così non ci ferma più nessuno!

“SiAmo Ascoli, piccoli gesti d’amore per una città migliore”.

SiAmo Ascoli è alle porte.. dimostra il tuo amore per la tua città!

siamo ascoli

 

Anche tu sei contro il degrado e vuoi dimostrare con i fatti, il tuo amore e rispetto per Ascoli? Unisciti a noi domenica 15 giugno per SiAmo Ascoli, una giornata dedicata alla pulizia e al ripristino del decoro. Partecipare è semplice: basta individuare una zona e un’azione antidegrado da compiere, come ad esempio la pulizia di una strada, di un prato, la cancellazione di scritte su muri, serrande, manifesti (o adesivi abusivi da togliere) e contattarci su siamoascoli@gmail.com per avere maggiori informazioni su come partecipare. Insieme SiAmo Ascoli.!

“SiAmo Ascoli, piccoli gesti d’amore per una città migliore”.

Ragazzi e ragazze della scuola primaria contro i graffiti

MILANO – Si è rivelato un gran successo il NO GRAFFITI DAY di sabato scorso organizzato dal Consiglio di Zona 1 dei Ragazzi e delle Ragazze, dal Comitato Unicef di Milano, sotto la regia dell’Associazione Nazionale Antigraffiti.

Più di 450 scritte vandaliche sono state rimosse da 80 ragazzi-volontari tra i 10 e i 13 anni che frequentano gli ultimi anni delle scuole elementari e medie del Centro di Milano, appartenenti agli istituti: Majno di via Quadronno, Cavalieri di via Ariberto, Scuola Primaria di via Crocefisso, Cavalieri di via Anco Marzio, scuola media Beltrami di Piazza Massaia e Civica di via Manzoni.

Sono stati proprio i ragazzi del Consiglio di Zona 1 a voler parlare di writing vandalico, attraverso una serie di lezioni tenute dai volontari dell’Associazione Nazionale Antigraffiti nel mese di aprile.

Dal percorso teorico si è ora passati alla pratica sul territorio, attraverso la realizzazione di tre cleaning: dopo aver scelto le aree d’intervento, i ragazzi si sono attivati per la richiesta delle autorizzazioni, per la preparazione dei materiali, per il volantinaggio dell’iniziativa e, con il supporto logistico-tecnico dell’ associazione, per la comunicazione.

LE VERNICI E I MATERIALI SONO STATE ACQUISTATE DAL CONSIGLIO DI ZONA 1

Qui sotto le immagini dei protagonisti del NO GRAFFITI DAY al lavoro e dell’edificio scolastico dopo il loro intervento

Senza-titolo-6 Senza-titolo-12 Senza-titolo-71

FONTI: Associazione nazionale antigraffiti

SIAMO ASCOLI – DOMENICA 15 GIUGNO UNISCITI A NOI !

Immagine

Anche tu sei contro il degrado e vuoi dimostrare con i fatti, il tuo amore e rispetto per Ascoli? Unisciti a noi domenica 15 giugno per SiAmo Ascoli, una giornata dedicata alla pulizia e al ripristino del decoro. Partecipare è semplice: basta individuare una zona e un’azione antidegrado da compiere, come ad esempio la pulizia di una strada, di un prato, la cancellazione di scritte su muri, serrande, manifesti (o adesivi abusivi da togliere) e contattarci su siamoascoli@gmail.com per avere maggiori informazioni su come partecipare. Insieme SiAmo Ascoli.!

SIAMO ASCOLI – WORK IN PROGRESS

Siamo Ascoli 2013

Siamo Ascoli 2013

 

E’ iniziata nel migliore dei modi l’organizzazione dell’evento SiAmo Ascoli, una giornata anti degrado che si svolgerà domenica 15 Giugno e che già lo scorso anno  aveva visto la partecipazione di Associazioni e cittadini, uniti in azioni di pulizia per ripristinare il decoro  nelle zone degradate della città. Lunedì scorso c’è stata la 2.a riunione organizzativa e già delle associazioni oltre ad Ascoli da Vivere come OFF, Laboratorio Minimo Teatro, Il Giardino, Solestà Cleaning Team, Fly Communications, FIAB e Casapound hanno aderito a quest’importante iniziativa che vuole portare più gente possibile in strada per dire NO AL DEGRADO!

Vi aspettiamo per chi volesse partecipare (associazioni apartitiche e liberi cittadini), lunedì prossimo 19 Maggio alle 21,15 presso la Casa della Gioventù nel quartiere di San Marcello (vicino al pattinodromo). Vi aspettiamo perchè insieme SiAmo Ascoli! per maggiori info: siamoascoli@gmail.com

“SiAmo Ascoli, piccoli gesti d’amore per una città migliore”.

Arrivano gli ispettori contro i rifiuti selvaggi

rifiuti

 

Ora l’esercito contro i rifiuti selvaggi c’è. Ed è composto da venti nuovi ispettori ambientali che hanno appena superato l’esame finale previsto dopo un periodo di specifica formazione. Adesso, una volta formalizzato il tutto, comincerà la guerra al sacchetto selvaggio con questa task force degli ispettori ambientali che scenderanno in strada per controlli a tappeto sulla raccolta differenziata nei vari quartieri, segnalando chi d’ora in avanti verrà sorpreso a conferire i rifiuti con modalità non corrette o magari nei giorni e negli orari sbagliati. I nuovi controllori andranno ad affiancare i vigili urbani, dopo aver effettuato un corso di formazione che prevede anche che venga sostenuto un test di verifica conclusivo. Venti dipendenti dell’Ascoli servizi comunali, la società che si occupa della gestione del servizio rifiuti, affiancheranno i loro compiti quotidiani andando a svolgere anche questo ruolo di ispettori ambientali all’interno di una task force di volontari che affiancherà l’Arengo. Si andranno a creare delle guardie ecologiche municipali per un monitoraggio costante e per l’elevazione di eventuali sanzioni per quei cittadini che non rispetteranno gli orari e le modalità di conferimento dei sacchetti dei rifiuti. La strategia è motivata dal fatto di andare ad effettuare monitoraggi puntuali dopo l’attivazione e l’assestamento del sistema porta a porta anche nei quartieri periferici, da Porta Romana a Campo Parignano, per cercare di stimolare ulteriormente i cittadini a differenziare correttamente i propri rifiuti, per evitare che, aldilà dei possibili ritardi o disservizi della raccolta in questa prima fase di assestamento, si accumulino sempre più i rifiuti fuori dagli orari prestabiliti. Se da un lato, infatti, proprio per l’incremento della mole di lavoro dovuta all’ampliamento del porta a porta, si registrano ancora aggiustamenti del servizio di recupero dei sacchetti in alcune giornate – soprattutto in coincidenza con la raccolta settimanale di carta e plastica – di contro c’è da considerare che sono ancora tanti i cittadini che lasciano il sacchetto fuori dalla porta solo dopo che c’è stato il passaggio dei mezzi dell’Ascoli Servizi Comunali. E’ quanto hanno riscontrato i responsabili della società comunale che si occupa della gestione del ciclo dei rifiuti. Ed ecco, allora, la necessità di creare un sistema di controllo più efficace per portare gradualmente al rispetto delle regole da parte di tutti, con l’idea degli ausiliari per i rifiuti. Si utilizzeranno, dunque, sin da subito, queste persone che hanno seguito il corso e superato il test finale. Mentre si prepara l’avvio della fase dei controlli sulla raccolta differenziata, arriva il lascia passare senza la necessaria valutazione di impatto ambientale, da parte della Provincia, per quel che riguarda l’impianto di valorizzazione energetica del biogas nella discarica di Relluce. Un impianto che ottiene anche il parere positivo dell’Arpam, in quanto ritenuto non impattante e che servirà ad estrarre il biogas prodotto proprio dalla discarica di Relluce. L’area occupata dall’impianto sarà di circa 530 metri quadrati.

Fonte: Corriere Adriatico

 

Bologna, la carta e l’arte

Bologna ha aperto i battenti alla Street  Poster Art: dal primo maggio fino al 10 è possibile vedere nel capoluogo emiliano le diverse interpretazioni di “arte di strada” per  mano di famosi artisti italiani e non, realizzate interamente su carta.

L’evento, giunto alla sua seconda edizione, è stato realizzato con il sostegno della Regione Emilia Romagna e ha coinvolto l’Amministrazione locale nella ricerca di spazi pubblici a cui si vuole dare un aspetto nuovo, rigenerato.  Si è trattato  in particolare di bacheche affissive di proprietà del Comune, nel centro storico, inutilizzate da tempo.

Martina Merlini è la più giovane fra gli artisti. Non vuole apparire nella fotocamera ma accetta di fare una foto (vedi sotto) rivolta verso la sua opera: sulla quale “la carta utilizzata – spiega – non fa che sovrapporsi alla superficie del pannello, senza che io abbia rimosso i graffiti che vi sono disegnati”.

 

Hyuro, artista argentina , ha avuto l’idea di appendere 43 pannelli il muro di cinta che costeggia l’autostazione in viale Masini.  La street artist argentina non rilascia interviste, ma è interessata all’impressione  che, a lavoro terminato, si ha del suo lavoro: 43 poster ognuno raffigurante lo stesso soggetto, con espressioni diverse.10311935_10203766708275073_1630177600_n

La novità di quest’anno è rappresentata dal tema del “verde”, tanto che  una delle  opere  previste dal programma è stata la piantumazione di ben 10 piante  in una zona non distante dal centro.

 

È curioso vedere come l’arte stia acquisendo sempre nuove forme e coinvolga nel farlo giovani pieni di idee. La street art è un’arte per tutti, visibile e, come in questo caso, anche “coprente” tutto ciò che fa rima con degrado e abbandono. È un’arte che con potenza demiurgica sperimenta e prova a dare un nuovo aspetto a ciò che ci circonda.

Quello che rimane da chiarire, forse, è come l’uso della carta possa essere associata al tema del “verde”, ma è comunque più utile di quei prodotti per la pulizia di graffiti che, con molta probabilità, riapparirebbero lì dove tolti.

10331681_10203766706195021_183748009_n (1) 10331681_10203766706195021_183748009_n

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: