SiAmo Ascoli

Insieme per una Ascoli migliore!

Archivi delle etichette: Milano

Ragazzi e ragazze della scuola primaria contro i graffiti

MILANO – Si è rivelato un gran successo il NO GRAFFITI DAY di sabato scorso organizzato dal Consiglio di Zona 1 dei Ragazzi e delle Ragazze, dal Comitato Unicef di Milano, sotto la regia dell’Associazione Nazionale Antigraffiti.

Più di 450 scritte vandaliche sono state rimosse da 80 ragazzi-volontari tra i 10 e i 13 anni che frequentano gli ultimi anni delle scuole elementari e medie del Centro di Milano, appartenenti agli istituti: Majno di via Quadronno, Cavalieri di via Ariberto, Scuola Primaria di via Crocefisso, Cavalieri di via Anco Marzio, scuola media Beltrami di Piazza Massaia e Civica di via Manzoni.

Sono stati proprio i ragazzi del Consiglio di Zona 1 a voler parlare di writing vandalico, attraverso una serie di lezioni tenute dai volontari dell’Associazione Nazionale Antigraffiti nel mese di aprile.

Dal percorso teorico si è ora passati alla pratica sul territorio, attraverso la realizzazione di tre cleaning: dopo aver scelto le aree d’intervento, i ragazzi si sono attivati per la richiesta delle autorizzazioni, per la preparazione dei materiali, per il volantinaggio dell’iniziativa e, con il supporto logistico-tecnico dell’ associazione, per la comunicazione.

LE VERNICI E I MATERIALI SONO STATE ACQUISTATE DAL CONSIGLIO DI ZONA 1

Qui sotto le immagini dei protagonisti del NO GRAFFITI DAY al lavoro e dell’edificio scolastico dopo il loro intervento

Senza-titolo-6 Senza-titolo-12 Senza-titolo-71

FONTI: Associazione nazionale antigraffiti

Annunci

Tg2 Da Milano a Roma i volontari puliscono le scritte vandaliche

Questa è l’Italia di cui essere fieri. Cittadini che in maniera volontaria si prendono cura della propria città mentre tanti altri la sporcano e non la rispettano. Ognuno può fare qualcosa, innanzitutto iniziando a non sporcare e a non far sporcare, poi addirittura si potrebbe pulire anche quello che non è proprio ma è di tutti. Basta un piccolo gesto per amore della nostra città che è anche una grande prova di intelligenza e altruismo

Il Cleaning Day di Milano

Oggi è il “Cleaning Day” per la città di Milano, più in particolare per il Quartiere Le Terrazze.

 

Il lavoro di oggi è mirato alla pulizia di una porzione del Residence Arcobaleno in  via Fraschini 3 (vedi foto) e in particolare alle serrande , cancelli e

superfici in marmo liscio stracolmi di scritte.

3

 

 

L’iniziativa nasce dalla collaborazione del Comitato Le Terrazze con l‘Associazione Nazionale Antigraffiti, che già diverse volte ha avuto modo di esprimersi attraverso simili progetti di decoro urbano presso la stessa Milano, conosciuti con il nome di “Milano Quartiere Pulito”.

 

Tra il materiale utilizzato: una tonalità di  idroppitura (azzurro), gel ecologici per le superfici marmoree e un’idropulitrice, acquistati attraverso una colletta tra i residenti ed esercenti del quartiere e tramite un finanziamento di Unipol Sai.

 

Gli abitanti del quartiere, certi che la cura condivisa di uno spazio sia sinonimo di educazione civica mirano all’obiettivo principe dell’antidegrado: rendere il cittadino protagonista di questa continua sfida.

 

 

 

Milano: rimozione di biciclette bloccata dalla burocrazia

L’ obiettivo posto dal Comune di Milano è quello di far sparire le biciclette abbandonate per le  strade di Milano, legate ai pali o agli archetti.

bici«Il provvedimento del Comune che prevede che siano i vigili a segnalare la presenza di bici abbandonate non ha fatto altro che intralciare il normale lavoro di rimozione – dice Fabiola Minoletti, del comitato di residenti Abruzzi-Piccinni – la colpa non è della polizia locale, ma dei criteri stabiliti dal Comune per potere dichiarare una bicicletta “in stato di effettivo abbandono”».

– La delibera della giunta comunale dello scorso 5 luglio – che porta la firma dell’assessore alla Polizia locale, Marco Granelli – prevede che i vigili di quartiere verifichino la presenza di biciclette abbandonate, vi appongano un adesivo e tornino dopo 20 giorni. Se la bici è ancora dove era stata avvistata la prima volta, Amsa (Azienda Milanese Servizi Ambientali) procede alla rimozione.

Purtroppo però la sperimentazione non è riuscita e questo perché, come suggerisce Fabiola Minoletti del comitato di residenti Abruzzi-Piccinni,:  «Il provvedimento del Comune che prevede che siano i vigili a segnalare la presenza di bici abbandonate non ha fatto altro che intralciare il normale lavoro di rimozione. »

Il problema, infatti,  è dato dai criteri in base a cui i vigili di quartiere sono chiamati a individuare le bici abbandonate: i mezzi devono essere «privi di catena o ingranaggi indispensabili al funzionamento, di entrambe le ruote, oppure del manubrio, oppure con il telaio deformato». Tuttavia molto raro che una bici abbandonata sia priva di entrambe le ruote, visto che spesso vengono legate proprio passando la catena fra i raggi; inoltre il manubrio è una delle ultime parti a essere rubate. Così, per via di criteri troppo ristretti non vengono rimosse più biciclette.

Il risultato è che «Amsa, che un tempo procedeva alla rimozione delle biciclette seppur con tempi lunghi, ora ha le mani legate dalla burocrazia», spiega la Minoletti.

 

 

Milano, lezioni contro il graffitismo nelle scuole: preserviamo la città

Quando parliamo di graffitismo, o di graffiti writing, ci riferiamo a quella forma di espressione, culturale e artistica, attraverso degli interventi pittorici sul tessuto urbano.

Questi in ogni caso vengono considerati atti di vandalismo e puniti secondo le leggi vigenti, poichè numerosi writer imbrattano, spesso impunemente, mezzi pubblici o edifici di interesse storico e artistico.
E così ecco che Unicef e l’Associazione Nazionale Antigraffiti hanno deciso di promuovere un’iniziativa che coinvolgerà i bambini delle scuole elementari e medie, al fine di tenere alcune lezioni contro il graffitismo.

L’iniziativa è nata dopo che, nei mesi scorsi, Unicef aveva avviato un progetto nelle scuole, con il consiglio di Zona 1, a seguito del quale è stato chiesto ai ragazzi quali temi avrebbe voluto affrontare in prima persona.

Tra le preferenze esposte dai ragazzi c’era proprio la pulizia delle città, e più specificamente quella dei muri.
Le due associazioni, dunque, incontreranno a Milano centinaia di studenti fra i 10 e i 13 anni per illustrare loro concetti come “vandalismo”, “sfida alla legalità” e “graffitismo vandalico”.

Durante gli incontri nelle classi, che dureranno due ore e potranno ripetersi di settimana in settimana, agli studenti sarà raccontata la storia del writing, a partire dai graffiti lasciati a Los Angeles negli anni Sessanta dalle bande di latinos, fino ad arrivare alla deriva vandalica di chi oggi incide con punteruoli le vetrine dei negozi del Ticinese.
Al termine del corso, poi,  i ragazzi verranno muniti di rulli, vernice e solventi per ripulire un luogo della città a loro scelta, che non sia per forza la propria scuola.
Il primo istituto che sarà visitato dai delegati Unicef e dagli attivisti antigraffiti, giovedì 27 febbraio, sarà la scuola media Cavalieri, in via Ariberto 14.
Nei giorni successivi, invece, sarà la volta delle scuole elementari e medie Diaz, con sedi in via Crocefisso e via Beltrami, della scuola media Beltrami, in piazza Massaia, della scuola media Majno, in via Quadronno, e della scuola civica Manzoni, in piazza XXV Aprile.

Fabiola Minoletti, portavoce dell’Associazione antigraffiti, ha dichiarato:

“Cominciamo dalle scuole del centro perchè lì i ragazzi hanno espresso il maggiore interesse per la tematica del writing e del rispetto degli spazi pubblici. E’ bello che lo spunto venga da loro e non dagli adulti…”

Dopo il centro, però, l’intenzione è quella di portare il progetto in altri quartieri, tant’è che le due associazioni hanno già stretto contatti con scuole della zona Buenos Airesviale Abruzzi.
Lo scopo di questo progetto, dunque, è quello di preservare il valore artistico delle città, spesso compromesso dall’imbrattamento selvaggio che, in questi casi, non ha nulla a che fare con l’arte.

Fonte: www.repubblica.it

STRISCIA LA NOTIZIA: MILANO DEVASTATA DAI WRITERS – VIDEO

Milano- Writers

VIDEO:  STRISCIA LA NOTIZIA

Lunedì 29 incontro per organizzare la giornata antidegrado siamo Ascoli

Image

Ripulitura muri in Via Spalvieri (Ascoli Piceno)

“L’Associazione Culturale Ascoli da Vivere, da anni impegnata in prima linea nella dura lotta contro il degrado, organizza per Domenica 26 Maggio, l’evento “SiAmo Ascoli, piccoli gesti d’amore per una città migliore”, che farà parte della settima giornata nazionale antidegrado denominata “Cleaning Day”. L’evento ha lo scopo di unire le diverse realtà italiane (Ascoli, Milano, Roma, Venezia, Firenze, Napoli ecc..) per contrastare attivamente il degrado urbano causato dalla crescente azione del writing vandalico.

Ascoli da Vivere invita tutti gli ascolani ad incontrarsi Lunedì 29 Aprile alle ore 21,00 presso l’auditorium Casa della Gioventù (di fianco al pattinodromo a san Marcello). L’incontro avrà l’obiettivo di presentare i punti chiave della manifestazione SiAmo Ascoli, affinché tutte le parti presenti, dai singoli cittadini, alle Associazioni Culturali e di categoria, alle Istituzioni (di qualsiasi schieramento), possano organizzarsi e scendere in strada, compiendo delle piccole ma fondamentali azioni per ripristinare il decoro in alcune zone degradate della città

Chiederemo a tutti i partecipanti, di fare un piccolo gesto d’affetto nei confronti di Ascoli: la pulizia di un giardino, di un’aiuola, la cancellazione di una scritta su un muro o su una saracinesca, la rimozione di adesivi, di affissioni abusive e di rifiuti e cartacce.

Il nostro intento è di organizzare gruppi di volontari per scegliere ed adottare una strada, una piazza, un’aiuola o un muro da “ripulire”. Chiunque potrà contattarci per aderire a dei gruppi di volontari organizzati da noi.
Nella giornata del 26 Maggio “SiAmo Ascoli”, mettiamo da parte almeno per una volta le divisioni, ed uniti condividiamo l’amore e il rispetto per la nostra meravigliosa città.

Per maggiori informazioni: mail: info@ascolidavivere.it  cellulare: 334-2275336

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: