SiAmo Ascoli

Insieme per una Ascoli migliore!

Archivi delle etichette: scuole

Ascoli da Vivere incontra le Mini Guide per parlare di degrado

 Giornata antidegrado con i ragazzi della Scuola Massimo D'Azeglio


Giornata antidegrado con i ragazzi della Scuola Media Massimo D’Azeglio di Ascoli Piceno

Ha riscosso grande successo e partecipazione l’incontro organizzato sabato 8 Marzo dall’Associazione Ascoli da Vivere con i ragazzi e gli insegnanti del Laboratorio Mini Guide, presso la Scuola Media Massimo D’Azeglio.
Durante l’incontro si è parlato di degrado urbano ed in particolar modo del graffitismo vandalico, che ad Ascoli come in altre città, si è rilevata una vera e propria piaga creando ingenti danni sia economici che d’immagine alla città.
Si è parlato anche di come è possibile contrastare e sconfiggere il degrado urbano, e dell’importanza che ogni singolo cittadino si impegni anche con dei piccoli gesti a rispettare il decoro cittadino, evitando ad esempio di buttare carte per terra, di evitare di affiggere manifesti e adesivi abusivi, di fare scritte sui muri, e di non occupare con la propria auto gli spazi riservati ai portatori di handicap.
Prima dei saluti, Ascoli da Vivere ha consegnato al Professor Fazzini e ai rappresentanti del laboratorio Mini Guide il premio “SiAmo Ascoli- Gesti d’amore per una città migliore” per l’attività di sensibilizzazione svolte dal gruppo contro il degrado urbano.
Dopo l’interesse e il successo ottenuto, l’Associazione ha tutta l’intenzione di proseguire gli incontri antidegrado nelle altre strutture scolastiche.
Per chi fosse interessato a partecipare alle nostre iniziative o ad invitarci nelle loro scuole per parlare di lotta al degrado con i ragazzi, è possibile contattarci su siamoascoli@gmail.com

La Redazione.

Annunci

Milano, lezioni contro il graffitismo nelle scuole: preserviamo la città

Quando parliamo di graffitismo, o di graffiti writing, ci riferiamo a quella forma di espressione, culturale e artistica, attraverso degli interventi pittorici sul tessuto urbano.

Questi in ogni caso vengono considerati atti di vandalismo e puniti secondo le leggi vigenti, poichè numerosi writer imbrattano, spesso impunemente, mezzi pubblici o edifici di interesse storico e artistico.
E così ecco che Unicef e l’Associazione Nazionale Antigraffiti hanno deciso di promuovere un’iniziativa che coinvolgerà i bambini delle scuole elementari e medie, al fine di tenere alcune lezioni contro il graffitismo.

L’iniziativa è nata dopo che, nei mesi scorsi, Unicef aveva avviato un progetto nelle scuole, con il consiglio di Zona 1, a seguito del quale è stato chiesto ai ragazzi quali temi avrebbe voluto affrontare in prima persona.

Tra le preferenze esposte dai ragazzi c’era proprio la pulizia delle città, e più specificamente quella dei muri.
Le due associazioni, dunque, incontreranno a Milano centinaia di studenti fra i 10 e i 13 anni per illustrare loro concetti come “vandalismo”, “sfida alla legalità” e “graffitismo vandalico”.

Durante gli incontri nelle classi, che dureranno due ore e potranno ripetersi di settimana in settimana, agli studenti sarà raccontata la storia del writing, a partire dai graffiti lasciati a Los Angeles negli anni Sessanta dalle bande di latinos, fino ad arrivare alla deriva vandalica di chi oggi incide con punteruoli le vetrine dei negozi del Ticinese.
Al termine del corso, poi,  i ragazzi verranno muniti di rulli, vernice e solventi per ripulire un luogo della città a loro scelta, che non sia per forza la propria scuola.
Il primo istituto che sarà visitato dai delegati Unicef e dagli attivisti antigraffiti, giovedì 27 febbraio, sarà la scuola media Cavalieri, in via Ariberto 14.
Nei giorni successivi, invece, sarà la volta delle scuole elementari e medie Diaz, con sedi in via Crocefisso e via Beltrami, della scuola media Beltrami, in piazza Massaia, della scuola media Majno, in via Quadronno, e della scuola civica Manzoni, in piazza XXV Aprile.

Fabiola Minoletti, portavoce dell’Associazione antigraffiti, ha dichiarato:

“Cominciamo dalle scuole del centro perchè lì i ragazzi hanno espresso il maggiore interesse per la tematica del writing e del rispetto degli spazi pubblici. E’ bello che lo spunto venga da loro e non dagli adulti…”

Dopo il centro, però, l’intenzione è quella di portare il progetto in altri quartieri, tant’è che le due associazioni hanno già stretto contatti con scuole della zona Buenos Airesviale Abruzzi.
Lo scopo di questo progetto, dunque, è quello di preservare il valore artistico delle città, spesso compromesso dall’imbrattamento selvaggio che, in questi casi, non ha nulla a che fare con l’arte.

Fonte: www.repubblica.it

Mattinata Fai nelle scuole di Ascoli Piceno.

Mattinata Fai Nelle Scuole from Giandomenico Lupi on Vimeo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: