SiAmo Ascoli

Insieme per una Ascoli migliore!

Writer sorpresi con la bomboletta in mano: l’assessore li mette ai lavori forzati

index

ILLA GUARDIA –  Lavata di capo e «olio di gomito» per due writer sorpresi con la bomboletta in mano a danneggiare il palco del parco comunale: per loro nessuna denuncia ma scattano i «lavori forzati». L’episodio risale al pomeriggio di domenica scorsa, 9 marzo, quando alcuni membri della Pro loco hanno sorpreso due ragazzi intenti a imbrattare le pareti della struttura al centro dell’area feste del parco Garibaldi. I volontari hanno immediatamente allertato l’assessore all’Ambiente Valerio Perroni che si è recato sul luogo dell’accaduto: «Ero con gli amici della scuola dell’infanzia in occasione del secondo anniversario del pellegrinaggio della Madonna delle Armi quando, al termine del pranzo, sono stato chiamato al telefono e mi hanno chiesto di andare al parco comunale». Giunto sul posto l’assessore ha potuto constatare che i due autori della bravata erano una ragazza minorenne di Villa Guardia e un 20enne di Lurate Caccivio. E a quel punto è scattata la decisione di coinvolgere i vandali nella pulizia di quanto sporcato. «Il primo pensiero è stato quello di chiamare le Forze dell’ordine ma poi non l’ho fatto – spiega l’assessore Perroni – Abbiamo cercato di gestire il problema con le famiglie, con un po’ di buon senso. Fare una denuncia formale, iniziare una causa per danneggiamento, seppur tutte azioni giuste, avrebbe significato allungare i tempi della risposta e magari far ricadere le conseguenze economiche sui genitori».
Niente denuncia, dunque, ma una soluzione alternativa che costringesse i ragazzi a rimediare al danno provocato. Attraverso un’apposita convenzione sottoscritta nei giorni successivi con il Comune di Villa Guardia i due ragazzi dovranno ridipingere il palco. Morale: hai imbrattato ? Adesso ti rimbocchi le maniche e rimedi al danno provocato. Immediatamente. Tirata d’orecchie e lavoro. «Nessun dubbio che chi danneggia un bene pubblico debba essere punito conclude Perroni, che già negli scorsi anni era dovuto intervenire per mettere in fuga alcuni giovani «piromani» che volevano dar fuoco alle palme del parco – Di fronte a questi episodi, l’atteggiamento che assumiamo può essere diverso: punitivo, critico a parole o di intervento. Di sicuro non si può abdicare al compito educativo. In questo caso noi abbiamo optato per un intervento concreto, certi che le conseguenze legali sarebbero state forse eccessive per i due giovani».

http://www.giornalediolgiate.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...